Streaming
Sei in: Home > Archivio > A Milano nasce il “Villaggio della Solidarietà” per le persone con disabilità

A Milano nasce il “Villaggio della Solidarietà” per le persone con disabilità

In occasione del Forum delle Politiche Sociali che si sta tenendo a Milano è stata annunciata la nascita del "Villaggio della Solidarietà" dedicato alla socialità delle persone disabili

Milano – Si sta svolgendo in questi giorni  Milano il Terzo Forum delle Politiche Sociali e sono diverse le iniziative che si stanno mettendo a punto cercando di pensare in modo particolare alle categorie della società che spesso finiscono per essere trascurate. Proprio oggi è stata così annunciata l'intenzione di realizzare un “Villaggio della Solidarietà” dedicato alle persone con disabilità che sorgerà a Villa Finzi, in zona Gorla-viale Monza: sarà uno spazio a disposizione di famiglie e associazioni per incontrarsi, progettare e realizzare, in collaborazione con l'Amministrazione comunale, iniziative e interventi nell'ambito della disabilità. Si tratta di un progetto davvero degno di nota visto che sarà soprattutto un luogo dove le persone con disabilità avranno occasioni di socialità, animazione e pratica motoria. 
Nel corso dell'incontro è stato ricordato l'incremento delle risorse economiche destinate dal Comune al settore disabilità e l'apertura delle liste d'attesa per l'accesso ai Centri Diurni Disabili e ai Centro Socio Educativi.
L'appuntamento è stato inoltre l'occasione per presentare la rinnovata struttura del settore disabili dell'assessorato alle Politiche sociali e il nuovo direttore, che ha illustrato il Piano di lavoro dell'Amministrazione. Un documento che dà operatività agli obiettivi individuati dal Tavolo permanente sulla disabilità costituito dall'assessorato insieme ad Asl, Commissione consiliare Politiche sociali, associazioni del terzo settore e delle famiglie. Tra le priorità del Piano l'accessibilità per Expo.
All'incontro è intervenuta anche l'assessore ai Lavori Pubblici Carmela Rozza, che ha illustrato il lavoro per il superamento e l'abbattimento delle barriere architettoniche realizzato anche in collaborazione con l'assessorato alla Mobilità di Pierfrancesco Maran. 
Entro febbraio – ha detto l'assessore Rozza – approveremo il Piano per l'abbattimento delle barriere architettoniche. Con questo strumento riusciremo a programmare e a realizzare interventi sia su strada che negli edifici pubblici, nelle scuole e nei palazzi della cultura. Non si può fare tutto in un anno, ma la programmazione servirà per dare continuità e costanza agli interventi. Un grande lavoro dovrà essere fatto sulle barriere che riguardano gli ipovedenti”. 
“Su questi temi – ha aggiunto l'assessore Rozza – ricordo il recente provvedimento della vicesindaco De Cesaris che, nel nuovo regolamento edilizio, ha inserito il rispetto dell'accessibilità ai disabili per nuove costruzioni e ristrutturazioni. E' importante che tutta la città collabori, a partire dalle scuole e dai privati. Per questo, nell'attuare il Piano per l'eliminazione delle barriere, sia per le fasi di progettazione che per quelle di collaudo, ci avvarremo anche dell'apporto della Consulta cittadina per le persone con disabilità e delle associazioni del terzo settore impegnate sul fronte della disabilità”.