Sei in: Home > Archivio > Greenpeace, Cristian D'Alessandro ancora in carcere in Russia: “Sta bene”

Greenpeace, Cristian D'Alessandro ancora in carcere in Russia: “Sta bene”

image_pdfimage_print

Mosca – L'udienza in cui potrebbe essere esaminata la richiesta di convalida dell'arresto di Cristian D'Alessandro, l'attivista italiano di Greenpeace da due mesi in custodia cautelare in Russia con l'accusa di teppismo è in programma per domani, in un tribunale distrettuale di San Pietroburgo. Le udienze di tutti i 29 attivisti di Greenpeace arrestati dovrebbero comunque tutte concludersi entro il fine settimana, mentre il termine per la custodia cautelare scade domenica 24 novembre.
Intanto il console generale a San Pietroburgo, Luigi Estero, ha incontrato venerdì scorso Cristian D'alessandro, napoletano, 31 anni, laureato in biotecnologie mediche all’Università Federico II di Napoli. “Lo abbiamo trovato in condizioni fisiche e psicologiche molto buone – ha spiegato il console – La sistemazione a San Pietroburgo sembra molto più confortevole e anche le procedure sono svolte in maniera molto più rapida”.
Sono 18 i Paesi interessati al caso Arctic 30, che ha sollevato dure critiche internazionali contro la Russia e creato forti tensioni diplomatiche con l'Olanda, Paese la cui bandiera batteva la rompighiaccio sulla quale gli ambientalisti, il 18 settembre, hanno condotto il blitz di protesta contro la piattaforma di Gazprom, nel mare di Pechora.