Breaking News Streaming
Sei in: Home > Articoli > Arte e Cultura > Eventi > 25 aprile, la giunta si è divisa tra Trieste, Udine, Gorizia e Pordenone

25 aprile, la giunta si è divisa tra Trieste, Udine, Gorizia e Pordenone

Nel giorno in cui si celebra la Liberazione, i più alti livelli istituzionali del governo regionale hanno partecipato alle maggiori celebrazioni sul territorio.

Ieri, 25 aprile, in Friuli-Venezia Giulia come in tutta Italia si è celebrato il 74esimo Anniversario della Liberazione. Nel territorio friulano si sono tenute cerimonie a Trieste, Udine, Gorizia e Pordenone, e la giunta regionale si è divisa per garantire la partecipazione dei massimi livelli istituzionali a tutti gli eventi. A Pordenone, per esempio, in rappresentanza dell’Amministrazione era presente l’assessore regionale alla Cultura. Le celebrazioni sono cominciate alle 9:30 del mattino, in piazzale Enea Ellero dei Mille. Prima i discorsi istituzionali, poi sono state deposte delle corone al Monumento ai Caduti, al cippo Martelli e alla lapide Drusin. Secondo evento in ordine cronologico è stato quello di Gorizia, a partire dalle 10, quando in piazza della Vittoria si è tenuta la solenne cerimonia dell’Alzabandiera, alla presenza dell’assessore alla Funzione pubblica.

Alle 10:30, invece, il vicegovernatore regionale ha assistito alle celebrazioni di Udine, dove sono state deposte corone al Tempietto dei Caduti in piazza Libertà. Successivamente, dopo i discorsi celebrativi, altre corone d’alloro hanno omaggiato il Monumento alla Resistenza. Ultima, ma non per importanza, la cerimonia triestina, a cui ha partecipato il governatore del Friuli-Venezia Giulia Massimiliano Fedriga, che è stato accolto con fischi da alcuni contestatori. La cerimonia che si è tenuta alla Risiera di San Sabba si è aperta con deposizione di una corona congiunta di Regione, Prefettura e Comune. A seguito degli interventi istituzionali, si sono tenuti i riti religiosi cattolico, ebraico, serbo-ortodosso, ed evangelico.