ITALIA

dall'

Solo notizie convalidate
mercoledì 5 Ottobre 2022

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

EDIZIONI REGIONALI

Camp Darby: il governo Usa in tribunale

Pisa – L'accusa è di comportamento antisindacale, la prima udienza è prevista per il 27 settembre. A portare in Tribunale il governo degli Stati Uniti d'America i sindacalisti della Fisascat/Cisl, a seguito degli eventi relativi alla sede di Camp Darby nella zona tra Pisa e Livorno. Si è parlato di 55 esuberi, ai lavoratori italiani è stato chiesto di licenziarsi dando loro in cambio un incentivo, poi, improvvisamente, è uscito un bando per nuove assunzioni. Una vicenda che ha destato scandalo e polemiche verso il governo americano, responsabile dei licenziamenti. Secondo i legali promotori del ricosto il governo Usa ha avuto un comportamento antisindacale e, per questo motivo, i licenziamenti dovrebbero essere revocati: “Del resto – osserva uno degli avvocati – il governo Usa ha firmato il contratto collettivo nazionale per il personale civile non statunitense delle forze armate Usa in Italia. Un contratto pienamente applicato a Camp Darby. Ma, di fatto, bypassato in questa vicenda”. Domani circa 35 dipendenti sono stati chiamati a dichiarare la loro disponibilità o a rifiutare il trasferimento (in vigore dall'1 ottobre) a Vicenza. Molti di loro sono incerti sul da farsi e ne parleranno con i legali. Sembra che per i lavoratori ci sia un’altra strada: la vertenza individuale per ottenere la riassunzione.