ITALIA

dall'

Solo notizie convalidate
mercoledì 5 Ottobre 2022

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

EDIZIONI REGIONALI

Salute – Per il tumore al polmone terapie biomolecolari

Si chiamano farmaci a bersaglio molecolare e agiscono sulla mutazione genetica. Per i tumori ai polmoni non a piccole cellule (che colpiscono anche i non fumatori) costituiscono ormai un’alternativa sempre più valida alla chemioterapia. Ma in Italia sono ancora pochi i Centri che fanno diagnosi genetica e l’accesso ai farmaci “intelligenti” non è ancora equo.
Il prof. Cesare Gridelli, presidente della III Conferenza internazionale di Oncologia toracica (CIOT) e Direttore del dipartimento di Onco-ematologia AORN “S.G. Moscati” di Avellino, spiega: “oggi abbiamo intrapreso la strada giusta, quella della terapia biomolecolare. Abbiamo scoperto che la forma più frequente di tumore al polmone – il carcinoma polmonare non a piccole cellule, forma che colpisce anche i non fumatori – si caratterizza con alterazioni genetiche specifiche e così sono stati messi a punto farmaci intelligenti in grado di colpire questi bersagli, risparmiando le cellule sane”