Sei in: Home > Archivio > Ospedale di Santa Margherita – Il comitato locale dà il via al “boicottaggio”

Ospedale di Santa Margherita – Il comitato locale dà il via al “boicottaggio”

Genova – Per impedire la vendita dell’immobile dell’Ospedale di Santa Margherita Ligure da parte della Regione Liguria, il “Comitato pro Ospedale di Santa-Gente di Liguria-Bacherontius” darà vita, a partire dalla prossima settimana, ad una serie di iniziative di “boicottaggio”.
Le azioni, che sono chiamate “Operazione Giovanna d’Arco”, che coincide con il 30 maggio, giorno della Santa guerriera che nel maggio del 1429 cacciò gli usurpatori dal territorio nazionale francese, prenderanno corpo con la presentazione ufficiale e definitiva dell’Esposto presso la Procura della Repubblica di Chiavari e di Genova e presso la Corte dei Conti al fine di fare luce sulle ombre immobiliari dell’ASL4 Chiavarese e della Regione Liguria in merito alla legittimità degli atti e ai costi della sanità nel Tigullio Occidentale.
L’Esposto rappresenterà anche il deterrente per scongiurare la successiva denuncia di “interruzione di servizio” il giorno in cui dovesse cessare di funzionare quella minima ed indispensabile “piastra ambulatoriale” in funzione presso l’edificio sanitario di S. Margherita Ligure.
Le azioni, comunque, saranno rivolte ad impedire la vendita dell’immobile, da parte della Regione Liguria, al solo scopo di “fare cassa”.
Il Comitato, pertanto, indice una conferenza stampa all’aperto, davanti all’entrata dell’Ospedale di S. Margherita Ligure, alle ore 10 di mercoledì 30 maggio, in cui saranno presentate le prossime iniziative, ed invita i cittadini alla partecipazione.