ITALIA

dall'

Solo notizie convalidate
venerdì 30 Settembre 2022

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

EDIZIONI REGIONALI

Cile – Morto il ragazzo omosessuale torturato da neonazisti

Si chiamava Daniel Zamudio (foto), aveva 24 anni, e non nascondeva la propria omosessualità. Questa la sua “colpa” secondo un gruppo di balordi neonazisti che lo hanno aggredito mentre camminava per la strada, a Santiago, la capitale cilena. E' stato sequestrato e torturato per oltre sei ore, selvaggiamente picchiato, gli sono state incise svastiche su tutto il corpo usando cocci di vetro, gli hanno bruciato una gamba e tranciato un orecchio.
Il giovane era stato ricoverato all'ospedale Posta Central in condizioni disperate, e i medici avevano ne decretato la morte cerebrale giò dal primo giorno. Daniel Zamudio è morto dopo quattro settimane di atroce agonia.
La famiglia, nonostante le sue condizioni e lo stato di coma irreversibile, aveva insistito, sperando fino all'ultimo, ed aveva proibito di sospendere le cure e di “staccare la spina”. Il suo organismo ha retto fino all'ultimo, ma alla fine si è arreso.
Il caso ha scosso l'intero Paese, molti giovani e associazioni si erano riunite fuori dall'ospedale manifestando la propria solidarietà, ma non c'è stato nulla da fare.
La polizia ha condotto un'indagine a tappeto ed ha fermato tre ragazzi fra i 19 e i 26 anni. Su di loro sono in corso accertamenti.