ITALIA

dall'

Solo notizie convalidate
domenica 2 Ottobre 2022

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

EDIZIONI REGIONALI

Roma: bambini fanno lezione di cortesia

Roma – “Rispetta Roma, a piedi, in bici o in carrozzella: non c'è al mondo città più bella”. E' lo slogan ideato dai bambini della V C della scuola primaria 'Martiri della Libertà che ha vinto il progetto 'Crea la tua giornata della cortesia per Roma', promosso dalla Fondazione Insieme per Roma in collaborazione con l'assessorato capitolino alla Famiglia. Un'iniziativa, lanciata lo scorso dicembre, che ha coinvolto 69 classi di 30 scuole primarie della capitale, per un totale di 1600 alunni: ad ogni classe è stato chiesto di realizzare un decalogo di buone maniere, un disegno su come vedono Roma e di come la vorrebbero, e uno slogan che sarà utilizzato per la 'Giornata della Cortesià prevista a maggio.
“Bambini, insegnanti e genitori – ha spiegato il presidente della Fondazione Insieme per Roma Monica Lucarelli – si sono confrontati su temi fondamentali come la buona educazione, il rispetto delle regole, la cura del bene comune ed hanno realizzato in squadra dei lavori di gruppo”. “Sono convinto che tutto educhi e tutti possono educare – ha commentato l'assessore alla Famiglia Gianluigi De Palo – Abbiamo sposato questo progetto perchè è un'idea che ha il profumo di futuro, una tappa importante del percorso che Roma Capitale ha intrapreso, insieme alle associazioni, per rilanciare e rafforzare il protagonismo dei bambini e dei giovani nella e per la nostra città». A premiare i vincitori questa mattina nella sala Sinopoli gremita di bambini, all'Auditorium Parco della Musica, il sindaco di Roma Gianni Alemanno che si è lasciato convincere a fare due 'palleggì a pallavolo sul palco. Piccolo fuori programma quando l'ex pallavolista Andrea Lucchetta ha tirato la palla verso il pubblico in platea colpendo un faretto da cui si è staccato un vetro che è caduto senza far alcun danno. “Attraverso l'esempio dei bimbi – ha detto Alemanno – sono convinto che le famiglie porranno grande attenzione a questo tema. Amare Roma significa rispettare la città con cortesia e pulizia. Stiamo facendo un grande sforzo per rilanciare il principio di cittadinanza che deve essere un punto di riferimento. È stato inventato dai romani duemila anni fa e noi dobbiamo saperlo interpretare fino in fondo”.