ITALIA

dall'

Solo notizie convalidate
mercoledì 5 Ottobre 2022

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

EDIZIONI REGIONALI

Costa Concordia – Lo scafo si muove

Isola del Giglio – La “Costa Concordia” pare si sia mossa di circa 7 centimetri prima di stabilizzarsi nuovamente. Lo hanno comunicato i tecnici del Dipartimento di Scienze della Terra dell’Università di Firenze. La causa sarebbe stato l’aumento del moto ondoso, che per altro ha determinato lo stop delle operazioni di pompaggio del carburante ancora contenuto nelle cisterne della nave. Dopo il movimento di 7 centimetri, lo scafo ha assunto il consueto movimento di un millimetro all’ora, quindi le operazioni sono riprese nel pomeriggio, concentrate specialmente nella sala macchine.

Ieri sera, nel corso della trasmissione “Matrix” su Canale 5, è stata ascoltata la prima telefonata tra la Capitaneria di Porto di Livorno e la Costa Crociere, nella notte del naufragio, alle 2.49 del 14 gennaio. La comunicazione venne fatta dalla capitaneria e all’Unità di Crisi di Costa Crociere rispose  Roberto Ferrarini, indagato per concorso in omicidio colposo e omissione di comunicazioni alla capitaneria.

Nella telefonata, la Capitaneria chiede a Ferrarini di far arrivare al Giglio personale di emergenza della compagnia, che conoscesse la nave e sapesse gestire i soccorsi. Ferrarini aveva garantito la partenza di un comandante e un responsabile della sicurezza. A quanto pare da indagini più approfondite la telefonata in questione non era stata la prima tra Ferrarini e la Capitaneria.