Sei in: Home > Esteri > Americhe > Zuckerberg si difende da Trump: “Abbiamo aiutato le persone a votare”

Zuckerberg si difende da Trump: “Abbiamo aiutato le persone a votare”

“Facebook ha messo i candidati nelle condizioni di comunicare direttamente”

Il creatore di Facebook, Mark Zuckerberg, ha difeso con forza la sua azienda dalle accuse del Presidente degli Stati Uniti, Donald Trump. Secondo Trump, Facebook sarebbe stato ostile nei suoi confronti. Mark Zuckerberg ha categoricamente smentito le notizie circolate secondo le quali agenti russi si sarebbero serviti di Facebook per influenzare le elezioni presidenziali attraverso l’acquisto di spazi pubblicitari o con fake account per gettare fango sulla campagna del 2016.

Senza timore di eventuali critiche, Zuckerberg ha affermato che “Facebook ha dato voce alle persone, messo i candidati nelle condizioni di comunicare direttamente e aiutato milioni di persone a votare. Dopo il voto dichiarai che pensare che la disinformazione su Facebook poteva aver cambiato il risultato era un’idea folle. Nel definirla folle sono stato sprezzante e me ne pento. Non si può essere sprezzanti su un argomento così importante”.

“Trump dice che Facebook è contro di lui, i liberal dicono che abbiamo aiutato Trump. Entrambi sono sconvolti da idee e contenuti che non apprezzano. Ecco cosa vuol dire gestire una piattaforma per tutte le idee”, ha continuato Zuckerberg.

Intanto i rappresentati di Facebook, insieme a quelli di Google e Twitter, saranno sentiti in merito alla vicenda del Russiagate. Secondo i democratici, le fake news pubblicate sulla piattaforma avrebbero svolto un ruolo decisivo nella sponsorizzazione di Trump. Allo stesso tempo, i falsi articoli apparsi su Facebook avrebbero infangato il programma di Hilary Clinton.

Potrebbe interessarti anche...

Uragano Irma-Trump: “Dio benedica tutti!”

“God bless everyone!”: si conclude così il tweet di Donald Trump, che si è unito …