Sei in: Home > Nazionale > ANCI – la salute è un bene comune da rispettare a partire dalle città più pulite

ANCI – la salute è un bene comune da rispettare a partire dalle città più pulite

“L’Anci e l’Italia diventano i principali protagonisti a livello europeo dell’attuazione di azioni e interventi per rendere le città più sane”. Così il vicepresidente di Anci e sindaco di Valdengo Roberto Pella, relatore del parere sulla “Salute nelle città: bene comune” approvato a larga maggioranza ieri, giovedì 11 maggio, a Bruxelles nella sessione plenaria del Comitato delle Regioni.

“Il fenomeno dell’urbanizzazione – ha precisato Pella – pone importanti sfide nelle nostre città dove l’invecchiamento della popolazione, l’impatto del fenomeno migratorio, la sostenibilità del sistema sanitario e di welfare rappresentano uno dei principali temi da affrontare a livello globale”. Il parere approvato suggerisce l’adozione di concreti strumenti per garantire la ‘Salute nelle Città’ come bene comune e interventi prioritari quali “la progettazione urbana, la mobilità e il trasporto, l’ambiente e l’alimentazione sana, lo sport, l’attività fisica e l’istruzione secondo un approccio olistico multisettoriale”.

Pella ha annunciato anche la nascita di un comitato di esperti sul tema che si costituirà in Anci il prossimo 30 maggio, “composto da 25 membri tra sindaci e assessori di città metropolitane e città impegnate in progetti europei, nonché da giovani amministratori locali che hanno frequentato la Scuola di formazione Anci”.

“Il parere approvato ieri a Bruxelles sulla salute nelle città – ha detto da parte sua il sindaco di Catania Enzo Bianco, capo della Delegazione italiana al CdR – è molto importante per la delegazione italiana, che ha chiesto con forza che venisse trattato dalla massima rappresentanza europea degli enti locali e regionali”.

Il parere ha origine nel Manifesto della salute nelle città che l’Anci ha sottoscritto più di un anno fa e “l’assegnazione al vicepresidente Pella della titolarità del parere è la conferma – conclude Bianco – dell’impegno dei Comuni italiani per una politica attenta alla salute dei cittadini e al benessere delle comunità. Impegno che Pella ha condotto con dedizione fino all’approvazione in Comitato delle Regioni. La delegazione italiana sosterrà con decisione il prosieguo dell’iter presso le istituzioni europee.”

Potrebbe interessarti anche...

Sconto fiscale per le spese sanitarie, consulta il vademecum dell’Agenzia delle Entrate

  Spese sanitarie Online la guida delle Entrate per avere lo sconto del fisco è facilmente …