Sei in: Home > Esteri > Africa > Caccia alle streghe in Tanzania, cinque donne bruciate vive

Caccia alle streghe in Tanzania, cinque donne bruciate vive

L’organizzazione locale Legal and Human Rights Centre (Lhrc), ha presentato un resoconto dove spiega che nei primi sette mesi del 2017 sono state 155 le vittime di uccisioni collegate alla stregoneria. Le cinque vittime, accusate di essere streghe provenivano dal villaggio di Undomo, nella regione centro-settentrionale di Tabora. Proprio la regione di Tabora ha il primato con 23 donne massacrate perché considerate delle streghe.

L’accusa nei loro confronti in genere è di avere gli occhi troppo chiari o di cagionare disgrazie in quanto portatrici di sfortuna. A pagarla cara, sono anche i familiari di queste donne: figli piccoli e intere famiglie sono state sterminate. Di recente tre componenti di una stessa famiglia sono stati massacrati a colpi di machete nel villaggio di Mfinga perché sospettati di praticare la magia.

Tuttavia, dietro alle accuse di stregoneria ci sono le intenzioni di compiere linciaggi.  Rimane un grosso problema che le credenze a culti tribali siano un problema concreto in Tanzania.

Nel giugno scorso a Magu, un distretto a sud del lago Vittoria, un uomo è stato arrestato dalla polizia per aver assassinato il figlio di sei anni in un rituale di stregoneria. Ed ancora: in aprile, durante un rito per ottenere ricchezza, una madre, con la complicità di un santone, ha sacrificato il figlio di soli otto mesi. Poi ci sono i casi come quello avvenuto a Maswa, nel nord del Paese, dove un uomo è stato aggredito a colpi di machete da tre persone perché ritenuto colpevole di aver stregato i loro figli.

Problemi di eredità dietro alla “caccia alle streghe”

L’agenzia Reuters riporta il parere di Athanasio Kweyunga, coordinatore di Maperece, un’Ong che aiuta gli anziani della regione di Mwanza. Secondo lui la vera ragione degli attacchi sarebbe da ricercare nell’avidità umana. “Le accusano di essere delle streghe, ma in realtà i motivi sono altri”, spiega.

Dietro gli omicidi si nascondono infatti mere questioni di brama sui terreni. In Tanzania le vedove non possono ereditare la terra dei loro mariti, hanno il diritto di viverci fino alla loro morte quando la proprietà passerà ai parenti maschi. E questo – afferma Kweyunga – può generare tensioni. “Ecco perché alcune donne anziane sono uccise dai loro stessi figli”, ha rimarcato Helen Kijo-Bisimba, la direttrice di il Legal and Human Rights Centre.

Persone Albine uccise per essere usati nei rituali magici

Chi paga un alto tributo alla superstizione in Tanzania sono gli albini, persone colpite da un’anomalia congenita che genera la totale o parziale deficienza di pigmentazione melaninica tale da rendere la pelle chiarissima. Secondo alcune credenze, le ossa e gli arti degli albini sono adatti a realizzare macabri rituali magici o per preparare filtri e pozioni che, si ritiene, portino fortuna e salute. Così il mercato nero pullula di parti del corpo di queste persone: tra il 2000 e il 2015 nel Paese africano sono state assassinate 75 persone a causa della superstizione legata ai poteri magici del loro corpo. Queste le cifre ufficiali, ma si teme che possano essere anche di più.

La totale assenza delle forze dell’ordine

I gruppi per i diritti umani che operano in Tanzania denunciano l’impunità nei confronti di chi compie questi efferati omicidi. “Questi fatti devono essere condannati con fermezza” ha rimarcato Bisimba. “Abbiamo bisogno di educare chi, basandosi su credenze fuori dal tempo, pensa che le donne siano delle streghe”, ha concluso.

Quello della stregoneria e delle violenze annesse è un fenomeno molto diffuso in tutta l’Africa sub-sahariana. La Tanzania non è un caso isolato. Di questo Paese si conoscono alcuni dati grazie all’impegno di locali organizzazioni. Altrove la situazione è altrettanto drammatica, ma spesso non è possibile accedere ad altrettanto dettagliate informazioni.

Potrebbe interessarti anche...

MORTE DELLA PICCOLA SHARON MANASSERI

Medico rinviato a giudizio Novità sul caso della morte della piccola Sharon Manasseri. Un medico, …