Sei in: Home > Nazionale > BANCONOTE FALSE: ARRESTI IN VENETO

BANCONOTE FALSE: ARRESTI IN VENETO

Venivano vendute in tutto il mondo attraverso la rete sommersa “Dark Web”

Una organizzazione criminale, diffusa tra le provincie di Padova e Rodigo, è stata smantellata dai Carabinieri di Padova. L’organizzazione, attraverso la rete sommersa “Dark Web”, vendeva in tutto il mondo banconote false. La segnalazione del reato è stata fatta dalla polizia austriaca dopo il ritrovamento di 20 banconote false spedite dall’ufficio postale di Este. Le transazioni venivano svolte in tutto il mondo. Non si conosce ancora il numero degli arrestati e le loro identità. I carabinieri di Padova sono stati coordinati dalla procura di Rovigo.

La banda non era specializzata solo in banconote false, ma anche in droga sintetica e documenti falsi come passaporti, carte d’identità e patenti. Le indagini, svolte in collaborazione col Nucleo antifalsificazione monetaria di Roma, hanno consentito di rintracciare a Padova cinque plichi spediti da Este e destinati in Grecia e Svizzera, con banconote false per 6 mila euro. Ad Este i militari hanno arrestato un giovane 18enne che acquistava e rivendeva le banconote contraffatte. Dal suo portafoglio elettronico sono emerse circa 640 transazioni per un valore circa 500 mila euro.

Potrebbe interessarti anche...

Aggressione a Pompei senza un motivo. 22enne malmenato da una baby gang

A “Pomeriggio cinque” dichiara: ”mi hanno distrutto la vita” Un’aggressione quella di Gaetano, 22enne di …