Sei in: Home > Roma Oggi Notizie > Viterbo > Cronaca > Solo bisognava dimostrare che Attilio Manca avesse fatto uso di droghe

Solo bisognava dimostrare che Attilio Manca avesse fatto uso di droghe

E' stato questo il duro commento fatto dall'ex procuratore generale di Messina Marcello Minasi:
“Sono sempre più convinto che quello di Attilio Manca sia un assassinio di Stato: uno dei tanti episodi della trattativa tra Stato e mafia''. E' quanto dichiara l'ex procuratore generale di Messina Marcello Minasi ad Antimafiaduemila, sulla morte del giovane urologo siciliano di Barcellona Pozzo di Gotto.

Sulla sentenza, emessa dalla procura di Viterbo, nei confronti di Monica Mileti, condannata a 5 anni e 4 mesi di reclusione per aver ceduto l’ultima, fatale, dose ad Attilio Manca, ritiene che ''l’esito del procedimento fosse scontato perché serviva a puntellare l'assunto principale: bisognava dimostrare che Manca aveva fatto uso di droga, un piano congegnato''.
 

A sostegno delle sue dichiarazioni, l'ex magistrato Minasi evidenzia anche la mancata difesa della stessa Mileti e dei suoi avvocati: ''L’impressione che se ne ricava – sottolinea – è che la Mileti e i suoi avvocati abbiano subito il processo senza battere ciglio. È come se fossero stati inglobati dentro questo procedimento dopo che gli è stato chiesto di ingoiare questo rospo''.

''Del tutto incomprensibile resta quindi la metodologia della Procura di Viterbo'' tuona convinto l'ex procuratore di Messina in pensione.
 

Intanto è stato aperto un fascicolo dal procuratore capo di Roma Giuseppe Pignatone. Si continuerà ad indagare sulla tragica morte del giovane urologo trovato cadavere 13 anni fa a Viterbo per verificare se si tratti di un omicidio di mafia come sostenuto, fin dal primo momento, dalla famiglia e dagli amici di Attilio.

Potrebbe interessarti anche...

Viterbo, nessuna buona notizia per i lavoratori Maico

Fumata nera dopo l’incontro Non ci sono ancora buone notizie per i lavoratori Maico. Dopo …