Sei in: Home > Rubriche > Consumatori > Annuncio di #Equitalia: Dirigenti agli sportelli e aperture pomeridiane per le rottamazioni

Annuncio di #Equitalia: Dirigenti agli sportelli e aperture pomeridiane per le rottamazioni

L’amministratore delegato di Equitalia, Ernesto Maria Ruffini, ha chiesto la presenza dei dirigenti della società di riscossione agli sportelli, in affiancamento ai colleghi incaricati della gestione del front office. Il 31 marzo, infatti, scadranno i termini per l’adesione alla rottamazione dei debiti e delle cartelle, e per sostenere il lavoro dei 200 sportelli messi a disposizione dei cittadini: «dopo aver introdotto e pianificato la realizzazione di alcune innovazioni per semplificare il lavoro dei colleghi agli sportelli e rendere più veloce ogni operazione a servizio dei cittadini ci a dare più forza ai nostri colleghi, proprio per supportare gli adempimenti della Definizione Agevolata, sia con la distribuzione di materiale informativo che con il prolungamento dell’orario di apertura in altri 15 sportelli su tutto il territorio».

Un modo per rinforzare le truppe agli sportelli, impegnate gestire un vero e proprio boom di adesioni alla rottamazione, che non è la sola disposizione giunta dai vertici di Equitalia. A partire dal mese di aprile, infatti, è stata prevista l’apertura pomeridiana degli sportelli ad alta affluenza:

Roma: via Colombo, via Benigni, via Aurelia;Napoli: Corso Meridionale;Milano: viale dell’Innovazione, via Lario;Torino: via Alfieri.

In vista della scadenza del termine per le adesioni, la decisione di prolungare l’orario fino alle 15,15 è stato esteso anche ad altri sportelli presenti sul territorio nazionale:

Padova;Bologna;Firenze;

Apertura pomeridiana, ma con operazioni di cassa fino alle 13.15, disposta anche a:

Bari: via Marin;Perugia;Napoli: Fuorigrotta, Vomero;Caserta;Salerno;Cagliari;Sassari;Catanzaro;Cosenza;Crotone;Reggio Calabria.

Queste decisioni, adottate con l’approvazione dei sindacati dei lavoratori, consentirebbero di offrire un servizio migliore, servendo un numero maggiore di cittadini che intendano aderire alla Definizione Agevolata.

Aderire alla Definizione Agevolata è davvero così conveniente?

La scadenza è ormai alle porte e sarebbe opportuno chiarire se davvero questo sconto promosso da Equitalia offra i vantaggi sbandierati come in uno spot pubblicitario. La risposta a questo interrogativo che ronza nella testa dei contribuenti in debito con il fisco dipende dalla situazione di ciascuno. Non si tratta di un aiuto ai cittadini, ma del solito favore, nemmeno troppo mascherato, ai ricchi furbetti. I contribuenti che hanno accumulato, infatti, debiti nei confronti dell’Agenzia delle Entrate per reali problemi economici non si troveranno avvantaggiati: seppur al netto di sanzioni e interessi, il gran parte del debito dovrà essere versato, nelle casse dello Stato, entro il 2017. In questo modo si finisce per avvantaggiare i grandi evasori, che dispongono delle possibilità economiche di saldare il debito entro i tempi stretti imposti dal Decreto Legge 193/2016, e per lasciare sostanzialmente inalterata la situazione di coloro che realmente sono costretti a far fronte a problemi di liquidità. L’ennesima illusione per il contribuente che, qualora decidesse di aderire a Definizione Agevolata, si troverebbe a dover scegliere una tra due alternative: il pagamento in un’unica soluzione oppure il pagamento rate, per un massimo di cinque rate. Nel secondo caso, il contribuente dovrebbe effettuare il pagamento del 70% entro il 2017; il 30% dovrà essere saldato entro il mese di settembre 2018. Non provvedere al pagamento degli importi entro le scadenze previste comporterà la decadenza dalla rottamazione.

A chi converrà allora servirsi della rottamazione?

A tutti coloro che dispongono di liquidità, che godranno dello sconto di sanzioni e interessi caricati in cartella: un’iniziativa nata per contrastare l’evasione fiscale, che sembra essere destinata a favorire proprio i grandi evasori.

Ai contribuenti che non dispongono di sufficienti somme di denaro converrà, quindi, non rottamare la propria cartella esattoriale, scegliendo l’ordinario pagamento in 72 rate.

Il pagamento ordinario in rate, infatti, seppure non prevede alcuno sconto su sanzioni e interessi, consente una rateizzazione dell’importo complessivo i 72 rate. La decadenza dalla rateizzazione, inoltre, interverrà solo dopo il mancato pagamento di un massimo di 5 rate.

Il consiglio per i contribuenti è quindi quello di valutare attentamente il percorso che si intende intraprendere, non lasciandosi trasportare dalla promessa di vantaggi di cui concretamente non sarà possibile.

Potrebbe interessarti anche...

Muore a 27 anni schiantandosi col pick up

Funerali rinviati ci sono ancora dubbi da sciogliere Rinviato il funerale del ragazzo morto tragicamente …