Sei in: Home > Rubriche > Consumatori > “Teresa canta Pino”

“Teresa canta Pino”

Esce domani il disco “Teresa canta Pino” (prodotto da Luisa Pistoia e Carlo Gavaudan per Sosia&Pistoia e da Teresa De Sio/distribuito da Universal Music), il nuovo progetto discografico di Teresa De Sio.
Teresa nasce a Napoli e trascorre l'infanzia a Cava de' Tirreni. Nel 1976 comincia la sua attività artistica con Eugenio Bennato e i Musicanova muovendosi nell'ambito della tradizione popolare napoletana e distinguendosi molto presto per il timbro vocale particolarissimo. L'esperienza culmina nel 1978 con un LP dalle forti atmosfere folk intitolato “Villanelle popolaresche del '500”. 
Nel 1980 viene pubblicato il suo primo album da solista intitolato “Sulla terra sulla luna”.
Con quel primo disco inzia una carriera durante la quale ricopre mille ruoli (cantante, discografica, direttrice artistica, scrittrice e molto altro ancora) sempre da protagonista del panorama artistico napoletano.
In questo ultimo disco, tributo al cantante napoletano scomparso lo scorso anno, il mondo folk-rock della De Sio si fonde e confonde con quello del cantautore napoletano creando nuove commistioni musicali.
«Per me questo è un progetto devozionale – racconta Teresa De Sio – Pino sta sulle facce della gente, sulla facciata dei palazzi, per le strade. Non possiamo salutarlo che con la musica».
Il disco, con la produzione artistica di Sasà Flauto, contiene 15 brani di Pino Daniele, riletti in chiave personale da Teresa De Sio, e 1 brano inedito, “’O jammone”, ossia “il capo”, scritto dalla stessa De Sio in ricordo dell’amico e collega scomparso.
Hanno collaborato al progetto anche Niccolò Fabi, voce nel brano “Un angolo di cielo”, e il coro dei ragazzi dell’Istituto Melissa Bassi di Scampia, protagonista in “Napule è”.
Questa la tracklist di “Teresa canta Pino”: “’O Scarrafone”, “Bella ‘mbriana”, “Je so’ pazza (Je so’ pazzo)”, “Lazzari felici”, “Serenata a fronn’ e limone”, “Quanno chiove”, “’O Jammone”, “Notte che se ne va”, “Un angolo di cielo”, “Fatte ‘na pizza”, “Chi tiene ‘o mare”, “Ninnananinnanoè”, “Tutta n’ata storia”, “Alleria”, “Viento”, “Napule è”.
“Teresa canta Pino” è il primo progetto strettamente discografico al quale la CMC – Campania Music Commission – ha deciso di collaborare insieme a Sosia&Pistoia agenzia nata a metà degli anni ottanta a cui fanno capo artisti come Enrico Bignano, Ninni Bruschetta, Lella Costa, Marco Baliani, Dario Vergassola, Giobbe Covatta, Maria Amelia Monti, Pamela Villoresi, Ottavia Piccolo, Gianfelice Imparato, Stefano Fresi; personaggi televisivi quali Benedetta Parodi, Camila Raznovich, Carlo Cracco, Antonino Cannavacciuolo, Mario Tozzi;tra gli sceneggiatori Ugo Chiti, Maurizio deGiovanni,Umberto Marino;tra iregisti Massimiliano Bruno, Edoardo Falcone, Davide Marengo, Volfango de Biasi.
La CMC è invece un’associazione ideata e presieduta dall’avv. Ferdinando Tozzi, esperto di diritti d’autore, sviluppatasi grazie all’impegno ed al supporto di professionisti ed associazioni del settore musicale, della discografia nazionale nonché di istituzioni private attente ai bisogni del territorio. L’associazione nasce con lo scopo di valorizzare e rilanciare il territorio campano, i suoi beni culturali e le sue professionalità attraverso la musica in tutte le sue declinazioni: con “Teresa canta Pino” ciò è stato
concretamente realizzato.

Potrebbe interessarti anche...

OPTION DAY – Bologna Parleremo di opzioni sul FOREX – Avatrade in collaborazione con Vantaggio Sleale

Bologna – Hai mai aperto una posizione su un cambio valutario andata in perdita anche …