Sei in: Home > Editoriali > Direttore > Ghera: la #Raggi non ne azzecca una!

Ghera: la #Raggi non ne azzecca una!

I fuochi a Capodanno sono ancora una cosa possibile a Roma.Dopo il ricorso dell'Anisp,il Tar del Lazio sospende con un decreto cautelare urgente l'ordinanza del sindaco volta a vietare qualsiasi genere di fuoco pirotecnico, compresi i giochi luminosi autorizzati, come le girandole che spesso si vedono in mano ai bambini.L’ordinanza 145 del 22 dicembre prevedeva infatti il “divieto assoluto” di “usare materiale esplodente, utilizzare fuochi artificiali, petardi, botti, razzi e simili artifici pirotecnici” e di “usare materiale esplodente anche ‘declassificato’ a meno di 200 metri dai centri abitati, dalle persone e dagli animali“. Di seguito “L’inosservanza degli obblighi e dei divieti comporterà l’applicazione della sanzione amministrativa pecuniaria a partire da 25 euro fino a 500 euro oltre al sequestro amministrativo”.
Ghera forse ha ragione:”la Raggi non ne azzecca una!”.
L'opposizione alla giunta sottolinea che:”i fuochi legali non creano incidenti e l'ordinanza, così come strutturata dall'amministrazione capitolina, rischiava di favorire le organizzazioni criminali che invece commercializzavano prodotti pericolosi”. Ghera rincara la dose contro un sindaco che rischiava di penalizzare ulteriormente un settore già penalizzato dalla flessione di arrivi nella Capitale e non solo, conclude con un attacco generale ai grillini, per i quali prevede “un fine anno col botto”.
Contro l'ordinanza si schiera anche Federico Mollicone, responsabile nazionale Comunicazione Fdl-An, che vede il divieto come segno di ignoranza e giacobinismo:”a Roma solo nel 1798 con i giacobini si issarono gli alberi della 'libertà' e si vietarono tutti i fuochi”.Il consiglio che viene dato alla Raggi è quello di concedersi un periodo di auto sospensione per riposarsi e astenersi dall'azione di governo.
Indipendentemente dalla decisione del Tar e di cosa si possa ritenere giusto, sembra però assurdo, o quantomeno curioso, constatare che alla fine dei conti la Raggi sia sempre nel torto.Facebook porta alla luce un'altra faccia della gogna mediatica, politica, giudiziaria cui è continuamente sottoposta Virginia Raggi:”850 sindaci d'Italia vietano i botti a Capodanno per tutelare persone e animali, ma il Tar interviene per sospendere l'ordinanza emanata da Virginia Raggi.Raccontateci ancora come questa persona non abbia tutti contro in qualsiasi cosa che faccia!”.

Potrebbe interessarti anche...

Pericolosa moda il #Sexting: quando la condivisione diventa mania

Il crescente utilizzo, da parte degli adolescenti (ma non solo), dei social network ha favorito …