Sei in: Home > Nazionale > Cronaca > Panico a Jakarta, una serie di esplosioni colpiscono il centro della città. È terrorismo.

Panico a Jakarta, una serie di esplosioni colpiscono il centro della città. È terrorismo.

Jakarta (Indonesia) – Ancora panico nel mondo, ancora terrorismo, ancora Isis. Questa volta il terrore è nel volto di Jakarta, la capitale dell'Indonesia dove sei forti esplosioni hanno colpito il centro della città, la zona commerciale nei pressi dell'edificio Onu. Si parla al momento di sette morti tra cui un cittadino olandese dipendente Onu e di numerosi feriti. Nelle esplosioni sarebbero morti anche quattro attentatori. Una città trasformata in uno scenario di guerra tra scontri a fuoco e granate lanciate contro la sede Onu. Le forze dell'ordine locali hanno parlato di incursioni a cui hanno preso parte dai dieci ai quindici uomini armati. Sarebbero stati arrestati anche quattro attentatori. Le notizie frammentarie arrivano dai social network, come facebook, twitter ed instagram dove sono stati postati video e foto delle esplosioni e delle vittime. Un terrorista ha attaccato un caffè di Starbucks nel cuore della città in una zona dove sono presenti diverse ambasciate sparando sui presenti mentre una delle esplosione ha colpito un centro commerciale, il Sarinah, nel quartiere Jalan Thamrin proprio vicino al palazzo presidenziale e agli uffici delle Nazioni Unite. Le notizie dei testimoni diffuse tramite internet riferiscono di scontri a fuoco e di vittime per le strade. L'area è stata subito isolata dalla polizia che ha chiesto ai residenti di restare chiusi in casa lontano dalle finestre ed ha confermato che c'erano stati dei messaggi in codice dffusi dall'Isis in cui si faceva riferimento all'Indonesia che era nel mirino del terrorismo, infatti diversi attentati erano già stati sventati. Il presidente, Joko Widodo, parlando di “atti di terrorismo” in corso così ha riferito: “Lo stato e la gente non devono avere paura, non soccomberemo di fronte ad un attacco così atroce. Chiedo a tutta la popolazione di mantenere la calma, la situazione è sotto controllo”.

Potrebbe interessarti anche...

Caivano. Omicidio Fortuna Loffredo: Caputo condannato all’ergasotolo

La mamma di Fortuna: “Finalmente conosco il nome di chi ha ucciso mia figlia” La V sezione della …