Sabato 25 marzo - Ultimo aggiornamento 12:16
Sei in: Home > Editoriali > Editore

L' immunità renziana alle denunce (SONDAGGIO)

L' immunità renziana alle denunce (SONDAGGIO)
L' immunità renziana alle denunce (SONDAGGIO)
"Da grandi poteri derivano grandi responsabilità" è ciò che viene detto nel film "Spiderman", ma la realtà, e in particolare quella politica, dimostra piuttosto che da grandi poteri derivano grandi intrallazzi. Di tutti i casi che si possono portare a sostegno di questa affermazione forse il più recente di Renzi-Adinolfi è quello meno grave.
La situazione si complica però con l' atto di denuncia di Alessandro Maiorano, un dipendente del comune di Firenze. Egli di fatto lamenta la dispersione di una pila di denuncie effettuate nei confronti di Renzi presso la Procura di Firenze. Come scrive il dipendente del Comune di Firenze "è certo che le denunce in questione siano state trattate dalla Guardia di Finanza". Ora si potrebbe chiedere ai lettori, abituati nel panorama politico italiano alle coincidenze: "indovinate un pò chi era il Comandante Interregionale della Finanza nel periodo, dal 2011 al 2014, a cui risalgono denunce?" E i lettori, che ripeto sono..., risponderebbero: "Michele Adinolfi". Ebbene è proprio così. Ecco quindi che è lecito, e forse anche doveroso, chiedere che "si accerti se amicizie e interconnessioni abbiano in qualche modo influito sul fatto che nessuna iniziativa risulti essere stata assunta nei confronti del Renzi" proprio come ha fatto il Signor Maiorano. Come diceva Belzebù "a pensare male degli altri si fa peccato, ma spesso si indovina" ed è difficile non pensare male quando delle numerose denunce rivolte a Renzi non circola notizia alcuna. In una Paese normale tali vicende dovrebbero essere di pubblico dominio, non già per il loro rilievo giuridico, ma per permettere ai cittadini di avere gli strumenti adatti ad elaborare un giudizio morale - più importante ancora di quello giuridico - sulla persona. La normalità si scontra però con la realtà. E la realtà è che notizie di questo tipo rischiano di indurre la gente "a pensar male" - magari ostacolando l' ascesa al potere dell' interessato - ma magari alla fine ci si indovina.
commenta
SONDAGGIO
E' corretto usare il potere e le amicizie per ostacolare le indagini?
  SI
  NO

*AVVERTENZA: Le rilevazioni sul sito non hanno alcun valore statistico né scientifico. Sono "manifestazioni d'opinione" ai sensi delle direttive dell'Autorità garante delle comunicazioni. I risultati hanno il solo scopo di permettere agli utenti del quotidiano on line di esprimere il loro parere su temi di interesse generale.

CERCA NEL QUOTIDIANO
  
Notariato
www.ogginotizie.it